Pages Navigation Menu

Vine prende piede fra attori e registi

Lee Unkrich, Asia Argento, Gabriele Muccino. Sono solo alcuni dei personaggi che utilizzano l’app per realizzare e condividere i propri video. Ecco le opere più particolari

di Gabriele Niola

vine

Se Twitter ha ridato senso alle parole e alla sintassi, costringendo gli utenti ad esprimersi in 160 caratteri, Vine sta ridando senso al montaggio e alla brevità nel video. La parentela tra i due è molto stretta e non a caso la prima società ha da tempo acquistato la seconda. L’app, al momento solo per iOS (ma Twitter sta lavorando per sviluppare le versioni per altre piattaforme), che consente di creare video di massimo 6 secondi, costringe dunque tutti quanti ad usare le tecniche del miglior cinema (montaggio, stop motion e dialoghi al minimo) per risparmiare tempo. Normale dunque che gli esperimenti migliori vengano da chi quegli strumenti già li padroneggia (e non è un caso che il Tribeca Film Festival abbia già dedicato una sezione a questa piattaforma),

Bryan Singer racconta tutto X-Men Days of future past in 6 secondi, con una carrellata sulle sedie dei personaggi, mentre – rimanendo in orbita mutanti – James Mangold è ancora più bravo e realizza un montaggio ad hoc delle immagini di The Wolverine, confezionando un microtrailer di 6 secondi.

 

       

 

Come sempre si staccano dal mucchio i registi Pixar, tra i quali Lee Unkrich è il più attivo sia con video propri che ritwittando i migliori sui film dello studio.

 

Noiosissimi invece i paesaggi di Gabriele Muccino.

Altro discorso quello per gli attori, decisamente meno abili dei registi, ma più inventivi e soprattutto con più tempo da perdere sul set tra un ripresa e l’altra. Non poteva mancare la regina delle webserie Felicia Day che filma ciò che mangia.

  …mentre dall’altra parte dell’oceano Asia Argento posta le sue flessioni.

Sul set del nuovo film di Luca Miniero, Luca Argentero cazzeggia:

  

…e il regista posta la lavorazione al plastico che sarà usato nel film stesso.

Tuttavia, ovviamente rimane inarrivabile il collage degli oggetti di arredamento domestico di casa Snoop Dog.

 

Thanks to Wired

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>